Drupal 8: 6 caratteristiche di un software potente ma non per tutti (e ti spiego perché)10 min read

Drupal 21 Ottobre 2019 7 min read

Drupal 8: 6 caratteristiche di un software potente ma non per tutti (e ti spiego perché)10 min read

Reading Time: 7 minutes

Cos’è Drupal 8 e come può aiutarti a sviluppare il tuo progetto online?

Potente e supportato da migliaia di sviluppatori, Drupal 8 non è un semplice CMS, ma uno dei sistemi più famosi e completi nel panorama digitale attuale, per la grande libertà che offre nella personalizzazione di siti e portali web.

Malgrado ciò, Drupal non è un software per tutti e in questo articolo ti spiego perché, oltre a parlarti della sua “identità”, delle 6 caratteristiche (e vantaggi) più importanti e dei “contro” che dovresti considerare se stai pensando di usarlo.

Se sbagli tecnologia metti a rischio il tuo progetto online

Questa è la realtà: la scelta del giusto software è fondamentale per costruire la tua presenza digitale. E il mio intento, in questo contesto, è far luce sulla pertinenza di Drupal 8 con il tuo progetto online.

La trasformazione digitale corre a ritmi velocissimi. Non è più un mistero ormai, ma un evidente dato di fatto. 

Impellente per le imprese di ogni calibro, la digitalizzazione si impone oggi come unico mezzo per emergere online. Ma emergere online significa tracciare un percorso chiaro anche sulla carta, passando anzitutto per la scelta della tecnologia più adatta. 

All’interno di una strategia digitale orientata al marketing, infatti, non può mancare una seria riflessione sulle piattaforme che servono per costruire la propria identità sul Web.

Che cos’è Drupal 8 e quali sono le sue caratteristiche?

Te lo spiego con parole semplici che sono sempre le più efficaci sia per chi sta muovendo i primi passi verso la trasformazione digitale – come nel caso di un’azienda che voglia trasformare il suo business in un ecosistema potente e personalizzato – sia per chi approccia allo sviluppo di siti e portali per conto di clienti esigenti e con obiettivi di marketing specifici.

Come premesso, muovere i primi passi verso la digitalizzazione – ormai impellente per professionisti e imprese – può essere un passaggio complesso. 

Complesso, più che altro, capire quale software soddisfi realmente le proprie esigenze. Infatti, non tutti sono uguali e sceglierne uno senza prima averne piena consapevolezza può rivelarsi un grande errore.

Entriamo nel merito di Drupal 8 e degli aspetti che lo riguardano:

  • cosa è 
  • potenzialità
  • per chi è adatto
  • quando usarlo.

Chi già lo conosce, sa che Drupal 8 rappresenta una delle soluzioni più potenti nel lasciare ampia libertà allo sviluppatore nel creare il contenuto personalizzandolo completamente.

Ed è proprio con la versione 8 che Drupal sposa appieno questa filosofia della totale customizzazione, abbandonando così le logiche dei CMS più comuni, quelli pronti all’uso per intenderci. 

A differenza di questi, infatti, Drupal 8 offre un ambiente decisamente favorevole alla creazione, gestione e manutenzione di contenuti personalizzati sulla base di specifiche richieste.

Perché Drupal 8 non è un semplice CMS?

Una delle caratteristiche di Drupal 8 è la sua identità: non è un semplice CMS quanto piuttosto un CMF. 

Non è complicato capire la differenza che passa tra CMS e CMF. In poche parole ti spiego cosa si nasconde dietro questi due acronimi. 

Non me ne vogliano i più esperti, ma corre l’obbligo di precisare alcuni concetti più generici a beneficio di tutti. 

CMS sta per Content Management System. Nello specifico si tratta di un sistema pronto all’uso per la gestione di siti o blog il cui obiettivo è la creazione e la divulgazione dei contenuti.

CMF è l’acronimo di Content Management Framework, ovvero un sistema per la gestione della struttura di applicazioni, siti e blog basate su contenuti.

La differenza è davvero molto sottile, pertanto li metto confronto per aiutarti a comprenderla meglio.

Il CMS, come già detto, offre un sistema pronto all’uso con il quale puoi fare qualsiasi cosa, ma è un sistema che nasce limitato nel supportare una certa complessità. 

In sostanza, l’obiettivo del CMS è quello di fornire all’utilizzatore un pannello per la creazione di contenuti e un tema grafico da applicare. Ad esempio, i contenuti hanno delle proprietà già definite e difficilmente personalizzabili. 

Il CMS dispone di un’architettura propria non comune ai framework più diffusi e utilizzati dagli sviluppatori.

Al contrario, il CMF nasce per essere disegnato totalmente dallo sviluppatore. E questa è la caratteristica saliente di Drupal 8, e ciò che ne spiega le incredibili potenzialità.

Considera un CMF come un foglio di carta bianca su cui disegnare qualsiasi cosa avendo a disposizione matite e pennarelli. 

In pratica hai piena libertà d’azione!

Per farti lo stesso esempio con il CMS, immagina un foglio di carta bianco dove hai disegnato la struttura di una casa in modo indelebile. 

Puoi disegnare la casa di Cenerentola o quella del Mulino Bianco, in ogni caso il risultato sarà sempre la struttura di quella casa. Nulla di diverso.

Ora, non è detto che il CMF faccia al caso tuo ma quello che più conta qui è capire la sostanziale differenza che passa tra CMS e CMF. 

Quest’ultimo è privo di limitazioni e forzature imposte da una struttura preesistente.

Come cambia la struttura da CMS a CMF

Per chi non “frequenta” il mondo dello sviluppo potrebbe essere complicato comprendere ciò che sto per dire, ma come ho già fatto, tenterò di usare parole semplici per spiegare la differenza di struttura tra CMS e CMF.

In genere, ogni applicativo web ha una struttura software che indica allo sviluppatore dove andare a mettere determinate funzioni. 

Per fare un’analogia banale ma esplicita, immagina gli ambienti di un ristorante: la cucina è il luogo in cui si preparano i pasti, mentre la sala è quello dove si consumano i pasti. 

Allo stesso modo, in un software ci sono delle aree dove il codice si occupa di gestire le informazioni e delle altre dove si abbelliscono le informazioni per presentarle al visitatore del sito web. 

In pratica, se entri in un ristorante sai già che dovrai andare in sala se sei un cliente, oppure in cucina se sei il cuoco. 

Allo stesso modo accade con il software: c’è chi gestisce la parte relativa all’elaborazione delle informazioni lavorando su una determinata area del software, e c’è chi si occupa dell’output grafico di queste informazioni. 

ll CMF si differenzia dal CMS perché presenta una struttura software comune a tutti i framework utilizzati dagli sviluppatori per lo sviluppo di applicazioni ad hoc

In particolare, mi riferisco all’architettura MVC che permette a uno sviluppatore di comprendere subito dove mettere le mani in caso voglia fare delle personalizzazioni. 

Questa caratteristica consente una gestione del progetto e del suo ciclo di vita molto più consapevole, con vantaggi consistenti per l’organizzazione del software e grande efficacia in termini di funzionalità, performance e qualità.

La filosofia che c’è dietro a un CMF – e il potenziale di un sistema come Drupal 8 – fa sì che vengano sviluppati componenti sulla base di standard rigorosi di qualità e condivisi da migliaia di sviluppatori. 

E questo si traduce nella realizzazione di componenti riutilizzabili e isolati che non intaccano la struttura del framework principale, garantendone il corretto funzionamento anche a seguito di una forte personalizzazione. 

Puoi pensare al CMF come a un agglomerato di lego dove ogni tassello può essere sostituito e personalizzato.

Dopo questa spiegazione sicuramente ti saranno più chiare le caratteristiche che differenziano Drupal 8 da un normale CMS. 

Malgrado ciò, per entrare ancora più nel dettaglio, ho raggruppato alcune delle caratteristiche che lo rendono uno dei sistemi più completi attualmente disponibili sul mercato.

Drupal 8: le 6 caratteristiche che dovresti conoscere

Eccoci nel cuore del mio articolo con queste 6 feature che devi conoscere se stai pensando di usare Drupal 8:

  • Drupal 8 nasce da symfon.
    Il framework che ha dominato la scena dello sviluppo php degli ultimi anni. Un nome che porta con sé stabilità, sicurezza e performance.
  • Drupal 8 Mobile First.
    Drupal 8 nasce per supportare lo sviluppo di siti e applicativi mobili integrando nel suo motore di rendering un set di strumenti utili agli sviluppatori front-end per la realizzazione di pagine e interfacce.
  • Multilingual ready.
    Dimentica l’installazione di moduli e strani workaround per avere siti multilingua. Drupal nasce già con la possibilità di gestire infinite lingue e predispone una serie di sistemi per la traduzione di contenuti, menu e blocchi.
  • Contenuti personalizzati.
    Lo ripeto ancora una volta: puoi creare entità completamente personalizzate contenenti campi e proprietà create ad-hoc su specifiche richieste. Questo rende la struttura di qualsiasi applicativo – sviluppato con Drupal – coerente e performante.
  • Velocità e performance.
    Per chi non sapesse cos’è, la cache è un sistema in grado di velocizzare il tempo di risposta del server riducendo il tempo di caricamento di una pagina web. Le cache sono utilizzate in tutte le applicazioni e siti che ambiscono a raggiungere milioni di persone. Drupal presenta un sistema di gestione delle cache capillare e completamente personalizzabile. Le cache sono presenti sin dalla prima installazione e si attivano automaticamente.
  • Web-services e API ready.
    Tutte le moderne applicazioni e siti necessitano di API proprie. Se ad esempio si vuole collegare un’applicazione mobile al proprio sito, è necessario sviluppare delle API che saranno utilizzate dall’applicazione mobile per renderizzare i contenuti su smartphone. Questo è solo un esempio di utilizzo di API, ma la vera potenza di Drupal 8 risiede nel fatto che siti e applicazioni realizzati con questo framework sono già pronti per offrire API in qualsiasi momento grazie ai moduli presenti nel core di Drupal.

Ho cercato di elencare alcune delle potenzialità che fanno di Drupal 8 uno strumento efficace sotto diversi punti di vista. 

Ma come premesso, bisogna anche ammettere che non è tutto oro quel che luccica, e te lo dimostro rispondendo alla prossima domanda.

Drupal 8: per chi è adatto?

Drupal predispone una serie di strumenti che lo rendono il framework ideale in qualsiasi circostanza, tuttavia è giovane e pertanto non ha una maturità tale da poter essere utilizzato dai non addetti ai lavori. 

Smanettoni, sviluppatori improvvisati e chiunque sviluppi siti senza conoscere quello che c’è nel “dietro le quinte” non può aspettarsi di riuscire a utilizzare un sistema come Drupal in modo efficace. 

Anzi, te lo dico in modo diretto: rischierebbe di fare un bel casino. 

Drupal è l’ideale per uno sviluppatore 

Presenta un ottima struttura software, delle API per la realizzazione di qualsiasi cosa e un’ottima console in grado di velocizzare la realizzazione di soluzioni ad-hoc del doppio se non del triplo rispetto a uno sviluppo con normali framework

Posso dire con certezza che per il grado di maturità a cui è arrivato, è uno strumento fantastico messo nelle mani di uno sviluppatore. 

È perfetto per le web agency 

Perché soddisfa le richieste di piccoli, medi e grandi progetti dove la personalizzazione la fa da padrone.

Quindi… per quali progetti ha senso usare Drupal 8?

Sicuramente se il progetto prevede la realizzazione di un blog o di un sito vetrina molto semplice e senza pretese, Drupal non è la scelta ideale. Non oggi. 

Se, invece, hai a disposizione un team e sei interessato a trovare una soluzione in grado di gestire lo sviluppo di applicativi molto diversificati tra di loro seguendo un filo comune, Drupal è la soluzione ideale.

Drupal è perfetto se non ci si accontenta e se si devono soddisfare le richieste di clienti particolarmente esigenti che hanno obiettivi di marketing specifici.

In questo senso risulta importantissimo un aspetto spesso sottovalutato: la user experience

Per riuscire nell’obiettivo di soddisfare le aspettative dell’utente è necessaria, se non obbligatoria, la personalizzazione dei comportamenti del proprio sito, portale o applicativo.

In questo senso, Drupal 8 è lo strumento ideale quando si realizzano community, applicativi web e siti su misura, per sfruttare tutti i vantaggi di una soluzione che rispetta standard di qualità e performance condivisi da migliaia di sviluppatori.